Ma tu chi sei?


Ok, la domanda è lecita, scrivo e parlo degli altri, ma poi non mi presento e non mi faccio conoscere come si deve.

Bene, mi sono fatto una foto al volo e la posto così come viene, con i miei capelli turchini, il pizzetto rosso e i bucatini nel naso e nelle orecchie!

Però, la domanda vale anche per te che leggi.... ti sei mai chiesto CHI SEI?

13 commenti:

  • Gaetano Anzisi | lunedì 11 settembre 2006 14:46:00 CEST

    Si tante volte mi sono chiesto chi sono ma non ho mai trovato risposta. Ma perchè dovrei trovarla?Sono un'animale sociale in continua evoluzione...

  • whittard | lunedì 11 settembre 2006 17:28:00 CEST

    se ti definisci 'animale sociale in continua evoluzione' ... sei gia un pezzo avanti!

  • Marty | lunedì 11 settembre 2006 18:15:00 CEST

    Se avete un pò di tempo leggete il profilo che ha scritto una mia cara amica nel suo blog... secondo me doveva fare la scrittrice!

    http://www.bloggers.it/sciroccata/index.cfm?blogaction=chisono

  • whittard | martedì 12 settembre 2006 14:29:00 CEST

    la tua amica è chiaramente una 'sciroccata' come si definisce sul blog, ma hai ragione: scrive benissimo e non scrive banalità.
    dice: 'Certi giorni mi sto sul cazzo, altri mi trovo incredibilmente brillante.'
    E' uno stato di disagio temporaneo che sento spesso, parlando con le persone, una mia amica tempo fa ha lasciato il suo ragazzo perche testuali parole: 'non sto bene con me stessa, mi odio, per cui ti lascio', ma il giorno dopo, uscita da una ricca seduta dal parrucchiere è corsa di nuovo da lui dicendo: '... ma in fondo in fondo ti amo'!

  • Marty | martedì 12 settembre 2006 18:14:00 CEST

    A me piace molto come conclude: "E non mi chiedo neanche più quale sia lo specchio giusto, perchè in fondo, l'ho capito, che è tutta una questione di luce."...
    mi sembra che a volte siano i "punti di vista" a definire ciò che guardiamo.

  • Gaetano Anzisi | mercoledì 13 settembre 2006 11:35:00 CEST

    E' proprio così dipende dai punti di vista. Secondo la psicologia lo 'Stato dell’Io' si sviluppa in quanto realtà fenomenica e comportamentale. Quindi un essere umano ha diverse percezioni di se stesso e le persone che lo circondano hanno a loro volta diverse impressioni della persona. Senon ricordo male gli Stati dell'Io sono 4: quello che io ho di me stesso, quello che vorrei trasmettere agli altri, quello che gli altri vedono, quello chegli altri si aspettano da me. Ma perchè sti discorsi?

  • marty | mercoledì 13 settembre 2006 11:47:00 CEST

    E io che pensavo che la percezione di me stessa è la stessa che percepiscono gli altri. Mi fa strano pensare che non è così.

  • Gaetano Anzisi | mercoledì 13 settembre 2006 12:01:00 CEST

    A quanto pare non è così almeno secondo la psicologia dei processi cognitivi. E' l'unico esame dove ho preso 30 ;-)

  • phoebe | mercoledì 13 settembre 2006 13:02:00 CEST

    MA CIAO!!!! Finalmente ti sei deciso ad aprire un blog e non mi dici nulla?? Per fortuna che non mi sfugge nulla!!! :)

  • whittard | mercoledì 13 settembre 2006 13:09:00 CEST

    Se non ricordo male, gli stati dell'io sono 3: genitore, adulto e bambino.
    A seconda dei nostri comportamenti, ci inseriamo momentaneamente in uno di questi stati.
    Differente il concetto dell' 'essere ed apparire', qui molto spesso troviamo dei conflitti molto profondi, con problematiche serie nei soggetti piu deboli.

    Basta fare zapping in TV per trovare degli esempi 'mostruosi' di essere o apparire, soprattutto nei ragazzi che io definisco: 'generazione Amici'

  • whittard | mercoledì 13 settembre 2006 13:15:00 CEST

    Ciao Phoebe, ebbene si: mi sono Bloggato anche io.... ;-)

    Un esempio delle essere e apparire può essere la foto che ho inserito nel post, la mia foto, con un'altra foto che copre il volto: il mio vero viso (essere) è dietro la foto che tengo con le mani che mostra il mio viso camuffato (apparire)

  • Gaetano Anzisi | giovedì 14 settembre 2006 10:14:00 CEST

    Whitt. si gli stato dell'io sono 3 quelli che dici tu. Io parlavo di percezione del sè e di percezione che gli altri hanno di te.
    A proposito di essere e apparire amplificato dalla Tv ma avete visto la nuova trasmissione la Pupa e il Secchione? E' qualcosa di sadico. Quattro ragazzi normali molto precisi, molto studiosi, molto tranquilli messi in una villa con quattro zxxxle 20enni alte 1,70 che si aggirano semi-nude. I maschetti devono insegnare loro matematica, geografia, latino, greco e altrecose che loro non hanno potuto fare prima nella vita, le femminone devono invece insegnare ai maschietti ad essere sensualieuomini veri.

  • djramon | sabato 30 settembre 2006 00:05:00 CEST

    a domanda precisa ci vuole una risposta precisa!! sono io, sono tante cose già scoperte e tante altre da scoprire. sono in un incrocio tridimensionale di spazio-tempo-forma dove, come dice il detto, "bisogna essere al posto giusto al momento giusto". spesso mi sono sentito sfasato di qualche anno o di qualche km...